Viva i Romantici – Testi

1. Sono già solo (Francesco Silvestre)

Troppa luce non ti piace, godi meglio a farlo al buio sottovoce
graffiando la mia pelle e mordendomi le labbra fino a farmi male, bene
senza farmi capire se per te è più sesso o amore
Poi fuggi, ti vesti, mi confondi, non sai dirmi quando torni e piangi,
non rispondi, sparisci e ogni quattro mesi torni
sei pazza di me come io lo son di te
Resisti, non mi stanchi, mi conservi sempre dentro ai tuoi ricordi
e poi brilli, non ti spegni, ci graffiamo per non far guarire i segni
e sei pioggia fredda, sei come un temporale di emozioni che poi quando passa
lampo, tuono, è passato così poco e son già solo
Tornerai, tornerai, altrochè se tornerai
ma stavolta non ti lascio, ti tengo stretta sul mio petto
poi ti bacio, poi ti graffio, poi ti dico che ti amo e ti proteggo
e poi ti voglio e poi ti prendo, poi ti sento che impazzisci se ti parlo
sottovoce, senza luce, perchè solo io lo so come ti piace
e ora dimmi che mi ami e che stavolta no, non durerà solo fino a domani
eesta qui con me perchè son pazzo di te
Resisti, non mi stanchi, mi conservi sempre dentro ai tuoi ricordi
e poi brilli, non ti spegni, ci graffiamo per non far guarire i segni
sei pioggia fredda, sei come un temporale di emozioni che poi quando passa
lampo, tuono, è passato così poco e son già solo
Resisti, non mi stanchi, mi conservi sempre dentro ai tuoi ricordi
e poi brilli, non ti spegni, ci graffiamo per non far guarire i segni
sei pioggia fredda, sei come un temporale di emozioni che poi quando passa
lampo, tuono, è passato così poco e son già solo

 

2. Salvami (Francesco Silvestre)

E va sempre così, che tanto indietro non si torna
E va sempre così, che parli ma nessuno ascolta
E va sempre così, che vuoi cambiare ma non servirà soltanto una promessa
Salvami e allunga le tue mani verso me
prendimi e non lasciarmi sprofondare
salvami e insegnami ad amare come te e ad essere migliore…
E va sempre così, che tanto lei poi non ritorna
E va sempre così, aspetti il sole e cade pioggia
E va sempre così, che credi di aver tempo e invece è già, invece è primavera
Salvami e allunga le tue mani verso me
prendimi e non lasciarmi sprofondare
salvami e insegnami ad amare come te e ad essere migliore…
Salvami e allunga le tue mani verso me
prendimi e non lasciarmi sprofondare
salvami ed insegnami ad amare come te e ad essere migliore…

 

3. Tappeto di Fragole (Francesco Silvestre)

Resto fermo tra le onde mentre penso a te
fuoco, rosso, luce e rondine
tra le foglie soffia un vento molto debole
nel frattempo un fiore sta x nascere
Eccoci qua a guardare le nuvole su un tappeto di fragole
come si fa a spiegarti se mi agito e mi rendo ridicolo
tu parlami, stringimi oppure fingi di amarmi
E una foto un po’ ingiallita è tutto quello che ho
e non capisco se ridevi o no
qui trafitto sulla terra steso me ne sto
aspettando di volare un po’
Eccoci qua a guadare le nuvole su un tappeto di fragole
come si fa a spiegarti se mi agito e mi rendo ridicolo
tu parlami, stringimi oppure fingi di amarmi
Eccoci qua a guardare le nuvole su un tappeto di fragole
come si fa a spiegarti che mi agito e rendo ridicolo
tu parlami stringimi oppure fingi di amarmi

 

4. Come un Pittore (Francesco Silvestre)

Ciao, semplicemente ciao
difficile trovar parole molto serie, tenterò di disegnare come un pittore
e farò in modo di arrivare fino al cuore con la forza del colore
guarda, senza parlare
Azzurro come te, come il cielo e il mare
giallo come luce del sole
rosso come le cose che mi fai provare.
Ciao, semplicemente ciao,
disegno l’erba, verde come la speranza, come frutta ancora acerba
e adesso un po’ di blu, come la notte
bianco come le sue stelle, con le sfumature gialle
l’aria puoi solo respirarla
Azzurro come te, come il cielo e il mare
giallo come luce del sole
rosso come le cose che mi fai provare.
Per le tempeste non ho il colore
con quel che resta disegno un fiore
ora che è estate, ora che è amore
Azzurro come te, come il cielo e il mare
giallo come luce del sole
rosso come le cose che mi fai provare.

 

5. Vittima (Francesco Silvestre)

Non chiamo mai, ti cerco solo quando poi
ho voglia di assaggiarti e di confonderti
me l’hai insegnato tu, che quando scappi e sei distante
ti cercan sempre, il gioco lo comandi tu
ti chiamo stupida, ti prendo pure l’anima
e non sai mai quando ritorno
Forse sì è quel mio essere un po’ bastardo che
se ci penso è quello che che che che ti piace di me
spogliati, senza dolcezza e senza regole
e poi giurami che che che che tu sei pazza di me
godo nel vederti persa, vittima della mia rabbia
Chiedevo amore e tu amore non mi hai dato mai
e ora scompaio sempre consapevole
che quando poi ritorno ti ritroverò
sempre contenta e bella come solo tu lo sai
ti spoglierai, senza parlare neanche un attimo
e me ne andrò, mentre dormi
Forse sì è quel mio essere un po’ bastardo che
se ci penso è quello che che che che ti piace di me
spogliati, senza dolcezza e senza regole
e poi giurami che che che che tu sei pazza di me
godo nel vederti persa, vittima della mia rabbia
Forse sì è quel mio essere un po’ bastardo che
se ci penso è quello che che che che ti piace di me
spogliati, senza dolcezza e senza regole
e poi giurami che che che che tu sei pazza di me
godo nel vederti persa, vittima della mia rabbia

 

6. Arriverà (Francesco Silvestre, Enrico Zapparoli, Enrico Palmosi)

Piangerai, come pioggia tu piangerai
e te ne andrai, come le foglie col vento d’autunno triste tu te ne andrai
certa che mai ti perdonerai
ma si sveglierà il tuo cuore in un giorno d’estate rovente in cui sole sarà
e cambierai la tristezza dei pianti in sorrisi lucenti, tu sorriderai
E arriverà il sapore del bacio più dolce e un abbraccio che ti scalderà
arriverà, una frase e una luna di quelle che poi ti sorprenderà
arriverà, la mia pelle a curar le tue voglie, la magia delle stelle
Penserai che la vita è ingiusta e piangerai
e ripenserai alla volta in cui non ti ho detto no, non ti lascerò mai
poi di colpo di buio intorno a noi
ma si sveglierà il tuo cuore in un giorno d’estate rovente in cui sole sarà
e cambierai la tristezza dei pianti in sorrisi lucenti, tu sorriderai
E arriverà il sapore del bacio più dolce e un abbraccio che ti scalderà
arriverà, una frase e una luna di quelle che poi ti sorprenderà
arriverà, la mia pelle a curar le tue voglie, la magia delle stelle
la poesia della neve che cade e rumore non fa
La mia pelle a curar le tue voglie, la magia della neve che cade e rumore non fa

 

7. La Notte (Francesco Silvestre)

Sì sarà pure misteriosa e tenebrosa, quando vuole fa paura
ma ti abbraccia e ti difende se l’ascolti
se ti nascondi e cerchi dentro lei la forza per andare avanti
e non tradirla con il sole e i raggi
mi copre dagli insulti e dalle malelingue
che cercan solo di ferirmi e screditarmi
Mi lascia fare anche se sbaglio a farmi male, senza insultarmi
Non come te che invece hai cancellato in un momento tutto quanto
ed è rimasto dentro te soltanto il peggio
per uno sbaglio ed un momento in cui mi son sentito solo, senza coraggio
Ma la notte so che pensi a me, amore
nel buio cerchi sempre le mie mani
no, non fingere di stare già, già bene
di colpo non si può dimenticare
niente di cosi profondo e intenso
o almeno penso
Dico ci riesco, poi mi perdo, ci ricasco nei momenti di sconforto
quando intorno a me tutto è buio come
come la notte, come le botte, come le ferite abbandonate
mai curate, ancora aperte
sbagliare umano ma per te uno sbaglio è tutto
sono solo un malandrino ed un violento
per una volta provo ad ascoltare il cuore e non l’orgoglio
Ma la notte so che pensi a me, amore
nel buio cerchi sempre le mie mani
no, non fingere di stare già, già bene
di colpo non si può dimenticare
niente di cosi profondo e intenso
o almeno penso
Ma la notte so che pensi a me, amore
nel buio cerchi sempre le mie mani
no, non fingere di stare già, già bene
di colpo non si può dimenticare
niente di cosi profondo e intenso
o almeno penso

 

8. Tutto non è niente (Francesco Silvestre)

Scusa il disturbo, volevo solo dimostrarti, anche se sbaglio, che se scrivo ho più coraggio
per parlare, per dimostrarti
che anche quando stiamo insieme e sto in silenzio provo di tutto
e mi chiedo, senza mai capire bene, quello che tu stai provando
E mi confondi e mi accontento di far l’amore con la pelle, con un tuo abbraccio,
con un semplice mano nella mano, camminando passo dopo passo
anche se soffro, anche se sbaglio..
Non sono un santo e te l’ho detto
non l’ho nascosto sin dal primo giorno in cui ti ho conosciuta
e ti ho rivelato che son pazzo
ma sono pronto a dimostrarti che c’ è altro
e vorrei tanto regalarti tutto il meglio che mi porto dentro e cancellare il resto
ma tu sei fredda e ti difendi e di barriere ti circondi
Sarò banale, ma son sicuro che da amici non potrebbe funzionare
quando provi un’attrazione così forte,
da non riuscire più a pensare a niente, tranne a quanto sei speciale
e a come poi mi fai sentire quando vedo che stai bene
anche in un piccolo paese senza case e senza strade
con te accanto posso rinunciare a tutto, tanto tutto senza te vicino è niente
Ti prego di’ qualcosa, anche se può far male
chiedimi pure di sparire e di dimenticare
di non tornare, di far finta che non sei speciale
ma allontanami ti prego se poi pensi che in qualunque modo
tra noi due non possa funzionare
tra noi due non possa funzionare
no tra noi due non possa funzionare

 

9. Timida (Francesco Silvestre, Orazio Grillo, Brando)

Timida, come un soffio di vento d’estate
ti posi sulla mia pelle ora, la mia bocca vicina ti sfiora
leggeri come nuvole nel cielo
sotto il quale poter riposare, finalmente lasciarsi andare
Ora che anche l’ aria sa d’estate
mi abbracci e vuoi partire
dove non importa, basta stare insieme
lontani dalle cose
ti bacio, sai di miele e sai di mare
d’estate
Timida, tra la sabbia morbida
mi cerchi con la mano e sei romantica
e sei felice, ritorni da me
Ora che quest’ aria sa d’estate
mi abbracci e vuoi partire
dove non importa, basta stare insieme
lontani dalle cose
e più ti bacio e più tu sai d’estate
e più ti bacio e più tu sai di mare
e sai di sole, d’estate

 

10. Viva i Romantici (Francesco Silvestre)

Buonanotte a tutti quelli come me
che dopo mezzanotte inizia il tempo di aspettare il sole
buonanotte a tutti quelli come me
che per sognare non han più bisogno neanche di dormire
basta non guardare tutto questo male che in tv ci fan vedere
e basta non restare coi piedi saldi a terra e lasciar più spazio all’ illusione
Viva i romantici
viva quelli che anche se innamorati piace perdersi
dietro mille storie per poi riprendersi
Buonanotte a tutti quelli come me
che dalla vita non si sono mai aspettati un regalo
buonanotte a tutti quelli come me
che senza vergognarsi hanno chiesto un po’ di compassione
e senza mai badare a quanto debole agli occhi di qualcuno puoi sembrare
e a chi sopravvive senza lamentarsi guadagnando mille Euro al mese
Viva i romantici
viva quelli che anche se innamorati piace perdersi
dietro mille storie per poi riprendersi
Buonanotte a tutti quelli come me
che se sta male pensan sempre tanto poi ne verrò fuori
buonanotte a tutti quelli come me
che per ucciderli del tutto ci vuole molto più veleno

 

11. L’amore è un’altra cosa (Francesco Silvestre)

Lascio che il tempo vinca su tutto e che la notte porti consiglio
dici domani è un altro giorno, ma è ancora presto per lasciar sola la notte
non scomparire nel buio senza lasciare traccia
Come una foglia nel vento tremi
e come un’ onda del mare piano ti allontani
che cosa c’entra che mi vuoi bene
l’amore è un’altra cosa molto più grande del bene
E poi mi perdo dentro il tuo abbraccio
e prego forte che sia soltanto un sogno
sono le quattro, dici che hai sonno
ma è ancora presto per lasciar sola la notte
non scomparire nel buio senza lasciare traccia
Come una foglia nel vento tremi
e come un’ onda del mare piano ti allontani
che cosa c’entra che mi vuoi bene
l’amore è un’altra cosa molto più grande del bene
Come una foglia nel vento tremi
e come un’ onda del mare piano ti allontani
che cosa c’entra che mi vuoi bene
l’amore è un’altra cosa molto più grande del bene

 

12. Mani Inutili (Francesco Silvestre, Enrico Zapparoli)

Non cadono mai stelle quando sei lontana e vorrei stringerti
i desideri son finiti e ho solo inchiostro e mani inutili
so che non ti posso stringere però per lo meno posso scriverti
e semmai ti arriverà ciò che ho scritto almeno leggimi
Hai già buttato via quella foto dove il vento
spettinava i tuoi capelli ed io felice che ti sedevo accanto
hai già dimenticato la canzone che ti ho scritto
dove ti racconto l’importanza e l’esigenza che ho di averti accanto
Chissà se a volte capita anche a te di sbagliare e poi sorridere
e di arrenderti all’orgoglio anche se sai dentro te che mi vuoi stringere
se mi sono allontanato e stato solo, è stato solo per difendermi
dalle tue incertezze, ma dentro me son più che certo che
che ti amo e vorrei viverti
Hai già buttato via quella foto dove il vento
spettinava i tuoi capelli ed io felice che ti sedevo accanto
hai già dimenticato la canzone che ti ho scritto
dove ti racconto l’importanza e l’esigenza che ho di averti accanto
Hai già buttato via quella foto dove il vento
spettinava i tuoi capelli ed io felice che ti sedevo accanto
hai già dimenticato la canzone che ti ho scritto
dove ti racconto l’importanza e l’esigenza che ho di averti accanto

 

13. Urlo e non mi senti (Francesco Silvestre, Enrico Zapparoli)

Tornerò, tornerò meno fragile
resterò alla finestra mentre un altro giorno passa in fretta
resta lì, pure in silenzio giudica
ora che non avrai più paura di soffrire ancora
Dormi, tranquilla e stai lontana dai miei sbagli
intanto che riposi io continuo a chiedermi perché urlo e poi tu non mi senti
e dimmi se a volte poi mi cerchi tra la gente
e se è soltanto pioggia o sono lacrime
allungo le mie mani ma tu sei distante..
Sparirò, come pioggia nella sabbia
brillerò tra le stelle, chiudi gli occhi e riuscirai a toccarmi
dicono che non si può rinascere
facile dirlo per chi non ha incontrato la tua pelle
Dormi, tranquilla e stai lontana dai miei sbagli
intanto che riposi io continuo a chiedermi perché urlo e poi tu non mi senti
e dimmi se a volte poi mi cerchi tra la gente
e se è soltanto pioggia o sono lacrime
allungo le mie mani ma tu sei distante
Proprio ora che allungo le mie mani ma tu sei distante
Dormi tranquilla e stai lontana dai miei sbagli
intanto che riposi io continuo a chiedermi perché urlo e poi tu non mi senti